Conferenza e Video

Sabato 20 Settembre 2014
Ore 10,00 – 17,00
Politecnico di Milano
Campus Leonardo
Aula Osvaldo De Donato
P.zza Leonardo da Vinci n° 32, Milano

L’evento parlerà dei viaggi tra gli antichi e i moderni canali sotterranei e i manufatti sconosciuti che ancora esistono sotto la metropoli. Il viaggio avverrà tra la presentazione d’inediti documenti storici, le soluzioni idrauliche d’ingegneri e tecnici e l’impegno degli Enti competenti nella formazione della Milano moderna. Proseguirà illustrando la contemporanea gestione, l’uso ed il riuso a fini agricoli delle acque tra tecnologie e innovazione. Il tutto sarà accompagnato dalle proiezioni sulla Milano sotterranea.

Presso il Politecnico di Milano si è avviata fin dal 2011 un’unità di ricerca interdisciplinare per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio ipogeo storico. Gli studi sono oggi possibili grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani e diverse realtà locali e nazionali che a vario titolo studiano, documentano e diffondono le conoscenze sulle cavità artificiali. A partire dal 2013 si è avviata la collaborazione con l’Azienda Metropolitana Milanese per lo studio, la valorizzazione e la conservazione delle fonti storiche inerenti la realizzazione della fognatura e dell’acquedotto della città di Milano.
Il lavoro svolto in collaborazione con l’Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano (S.C.A.M.) e la Federazione Nazionale Cavità Artificiali (F.N.C.A.) ha consentito di approfondire le tematiche relative agli ipogei esistenti nei giardini storici, alle opere sotterranee per la protezione dei civili realizzate durante le due guerre mondiali, alle fortificazioni, alle antiche opere di captazione, distribuzione e smaltimento delle acque in territorio lombardo e italiano.

Dalla sinergia di queste diverse realtà esplorative, di ricerca e di gestione della risorsa acqua è nata l’idea di questa giornata, aperta a tutti i cittadini, invitandoli a pensare a ciò che da sotto ci guarda: gallerie, cunicoli e spazi sotterranei. Sono le architetture lasciate dai nostri predecessori e sono anche i manufatti indispensabili al vivere urbano.

Apriranno i lavori Stefano Cetti (Direttore Generale di Metropolitana Milanese S.p.A.), Gabriele Pasqui (Direttore del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani) e Maurizio Boriani (Ordinario di Restauro del Politecnico di Milano – DAStU).
Maria Antonietta Breda illustrerà lo studio dei fondi documentari storici delle Direzioni Acquedotto e Rete acque reflue di Metropolitana Milanese.
Gli Ingegneri e i tecnici di Metropolitana Milanese illustreranno tra storia e attualità come sono nati, quali sono stati i protagonisti, come oggi funzionano e vengono gestiti l’acquedotto, la fognatura e i depuratori.
Spazio sarà dato ai temi delle nuove tecnologie, della sicurezza di chi lavora e di chi visita i manufatti. Si parlerà inoltre dell’attuale tema del riuso dei fanghi di depurazione a beneficio dell’agricoltura (Dottoressa Francesca Pizza del Depuratore di Nosedo).
Le esplorazioni della Milano sotterranea, raccolte nel libro di Gianluca Padovan e Ippolito Edmondo Ferrario (Milano sotterranea, Newton Compton Editori, Roma 2013) saranno narrate anche attraverso alcuni video girati a fini documentari durante le esplorazioni stesse.

I relatori saranno:
Andrea Aliscioni (Responsabile Depurazione e Tutela Ambientale di Metropolitana Milanese)
Maria Antonietta Breda (Ricercatrice in Storia dell’Architettura, Politecnico di Milano – DAStU)
Maurizio Brown (Metropolitana Milanese)
Carlo Carrettini (Direttore Acquedotto di Metropolitana Milanese)
Fernando Castellucci (Responsabile Esercizio Impianti e Telecontrollo di Metropolitana Milanese)
Fabio Marelli (Responsabile Rete acque reflue di Metropolitana Milanese)
Gianluca Padovan (Presidente dell’Associazione Speleologia Cavità Artificiali Milano e fondatore della Federazione Nazionale Cavità Artificiali)
Francesca Pizza (Depuratore di Nosedo).

B. PIEGHEVOLE_SETT_2014_DEF_LR

 

MM20SETT 2