Denominazione: Cunicolo del Pozzo delle Colonne
Numero catastale: CA 01011/01 LA VTUbicazione: Pian della Regina
Cartografia: I.G.M. 142-1-NO; C.T.R. 354100 TARQUINIA NORD; Modus 1:2000 10/1983
Quota: 154.2 m s.l.m.
Posizione: /
Unità geologica: Calcare di Tarquinia; Pliocene Inferiore e Medio
Svolgimento lavori: settembre 1989, novembre 1990
Operazioni condotte: esplorazione, rilievo planimetrico, servizio fotografico e cine-televisivo.
Stato di conservazione: discreto
Contesto: mancante
Avvertenze: possibile presenza di gas dovuti alla decomposizione di materiale organico
Interventi: disostruzione del cunicolo
Collocazione: situata nei pressi del Casale degli Scavi, in direzione ovest, l’opera è accessibile dalla cavità CA 01011 LA VT, lungo il lato ovest della parete della camera.
Destinazione: il tratto percorribile è troppo breve per poter avanzare ipotesi, ma la sua intercettazione da parte dello scavo della camera lo identifica come precedente. Questo non vuol dire che non possa essere eventualmente in fase con l’ambiente. Non si ritiene servisse al trasporto dell’acqua. Inoltre, l’attuale mancanza allo sbocco di un elemento che fungesse da gocciolatoio potrebbe escludere che servisse all’alimentazione della supposta cisterna: la diretta fuoriuscita del liquido avrebbe asportato in breve tempo il sottostante rivestimento argilloso.
Accesso: la parte superiore è scavata nella roccia, mentre quella inferiore è delimitata da due pilastri; il fondo è costituito dalle pietre della parete, ricoperte superiormente da sedimento argilloso.
Forma delle sezioni: ad ogiva, con punta stondata.
Sviluppo planimetrico: è percorribile per soli 1.5 m. Scavato nella roccia, è alto 2.25 m, largo alla base 1.73 m.
Descrizione: lo scavo in roccia abbastanza compatta risulta chiuso da corsi irregolari di pietre di varie dimensioni, ricoperte da sedimento, alla cui sommità è posta una lastra monolitica in pietra recante alla sommità un incavo.
Osservazioni: l’intercettazione del cunicolo da parte dello scavo della camera è determinata dall’esistenza della traccia del cervello di volta sul soffitto, fino ad incontrare il pozzo stesso. Le pareti recano inoltre deboli tracce di scalpellature, il cui senso di scavo è in direzione della camera.
Note: il cunicolo va disostruito per vedere a quali strutture è connesso. In ogni caso, lo svuotamento del fondo della camera potrebbe essere utile anche al ritrovamento dell’ipotizzato gocciolatoio, mentre la pulizia del fondo del cunicolo andrebbe a determinare l’eventuale presenza di un gorello e all’imboccatura la mancanza di una pietra che doveva necessariamente essere aggettante. Vi sono varie specie d’insetti, tra cui numerosi ragni.
Bibliografia: Padovan 1999a, p. 18; Padovan 1999b, pp. 53-54; Padovan 2000 a, pp. 110-112.

 

TARQUINIA SOTTERRANEA

 

ARCHEOLOGIA DEL SOTTOSUOLO