Tarquinia (Viterbo)
Le campagne speleo a Tarquinia e nei territori circostanti sono iniziate nel settembre del 1988. Ricordo che eravamo di stanza in Valsassina e stavamo concludendo le operazioni speleo in Grigna, quando ci arrivò la telefonata di Alfredo Bini che ci chiedeva se noi dello SCAM eravamo disposti ad andare a Tarquinia perché era venuto alla luce uno “strano pozzo” in Civita, ovvero alla città etrusca.
Claudio è arrivato in seguito e ha operato soprattutto nelle indagini presso l’acquedotto ipogeo di Fontana Antica – Fontana Nova presso l’odierna Tarquinia, ovvero la medievale Corneto.