Interiore” indagine sul campo: il IV Congresso di Archeologia del Sottosuolo

La relazione con il nostro prossimo è spunto e stimolo per conoscere meglio innanzitutto noi stessi.

L’ascolto, il confronto, la partecipazione ai lavori svolti in un comune ambito, nel nostro caso rappresentato dallo studio delle opere ipogee, costituiscono un momento di crescita.

Comprendiamo l’esatto valore dell’impegno sul campo dei colleghi. Apprezziamo l’importanza del comportamento leale e corretto, condizione necessaria per poter stringere proficue collaborazioni.

Comprendiamo soprattutto la ricchezza di una amicizia nata e maturata nell’ambito dei nostri interessi archeologici, speleologici, storici e sociali confluenti negli studi sulle cavità artificiali.

Gianluca Padovan (Ass.ne S.C.A.M. – F.N.C.A.)



IV Congresso di Archeologia del Sottosuolo - programma definitivo

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. IV Congresso di Archeologia del Sottosuolo – Telematico

organizzato da:

Napoli Underground, Federazione Nazionale Cavità  Artificiali, Associazione S.C.A.M. (Speleologia Cavità  Artificiali Milano)

Le acque del passato: opere idrauliche dall’antichità al XX secolo

Trasmesso in contemporanea su:

Napoli Underground Channel

http://www.napoliunderground.org/it/nug-channel.html

e

Federazione Nazionale Cavità Artificiali

http://www.archeologiadelsottosuolo.com/it/index.php?option=com_content&view=article&id=88&Itemid=72&lang=it

«Ma sotto quella radice che è nel mondo dei giganti c’è la fonte Mímir, in essa sono celati saggezza e acume e colui che la possiede si chiama Mímir; egli è ricco di conoscenza, poiché beve alla fonte con il corno Giallarhorn. Un tempo venne Allfödr e chiese di bere un sorso alla fonte, ma lo ottenne soltanto dopo aver lasciato in pegno un occhio»

Snorri Sturluson, Edda

Sabato e domenica 21-22 novembre 2009: programma

Sabato 21 novembre

Mattina. Dalle ore 9.30.00 fino alle ore 12.30 circa si terranno i seguenti interventi:

- Apertura del Congresso. Introduzione di Fulvio Salvi, Roberto Basilico e Gianluca Padovan

- Saluto delle Autorità: Prof. Pasquale Belfiore, Assessore all’Edilizia Pubblica e Privata del Comune di Napoli.

- Claudia Ninni. L’acquedotto della Lucerna a Bolsena (Viterbo)

- Gianmario Bonfadini, Susanna Bortolotto, Piero Favino, Raffaella Simonelli. Il sistema irriguo di primo Novecento dell’Oltrepò mantovano: la Botte sotto il fiume Secchia a San Benedetto Po

- Guglielmo Esposito. Acquedotti romani a Cortona (AR)

- Adriano Anzani, Aldo Croci (solo filmato). Il ninfeo delle meraviglie a Villa Borromeo Visconti Litta di Lainate. Un esempio di volontariato culturale

12.30 – 14.30: Pausa pranzo

Pomeriggio. Dalle ore 15.00 fino alle ore 19.00 circa si terranno i seguenti interventi:

- Roberto Basilico, Maria Antonietta Breda. Opere idrauliche e giochi d’acqua alla Villa Borromeo Visconti Litta a Lainate (Milano)

- Maria Antonietta Breda, Claudia Ninni, Gianluca Padovan. Bergamo: l’acquedotto ipogeo di Palazzo Frizzoni

- Maria Antonietta Breda, Massimo Lazzari, Wilma Milani. L’acqua in casa. L’approvvigionamento idrico di una casa-torre a Vendrogno (Lecco)

- Pietro Francesco Serreli, Laura Soro, Silvia Vidili. Lo scavo dei pozzi e dei silos nel sito archeologico di Sa Osa (Cabras – Oristano – Sardegna)

- Centro Ricerche Speleo-Archeologiche Sotterranei di Roma. L’acquedotto Vergine

Domenica 22 novembre

Mattina. Dalle ore 9.30 fino alle ore 12.30 circa si terranno i seguenti interventi:

- Clemente Esposito, Antonella Feola. Il Canale delle Fontane (Napoli)

- Roberta Varriale, Liquidi nel sottosuolo napoletano. Un approccio storico-ambientale

- Daniela Marra, Fulvio Salvi, Selene Salvi. Partenope e la fonte di tutte le acque: comparazione di un mito. Viaggio sotterraneo alla ricerca del santuario lunare

12.45 – 14.45: Pausa pranzo

Pomeriggio. Dalle ore 15.00 fino alle ore 19.00 circa si terranno i seguenti interventi:

- Associazione Roma Sotterranea. La Colaca Maxima: nuove tecnologie applicate e nuove scoperte

- Valerio Chiaraluce. Il complesso ipogeo in località San Fortunato – Marsciano (PG)

- Graziano Ferrari. Esplorazione di un pozzo idraulico a San Vito (Pozzuoli – NA)

- Raffaele Lamacchia, Silvana Magni. Prime ricerche e indagini su alcune opere di captazione idrica in Basilicata

- Gianluca Padovan. Guerra Greco-Gotica e opere sotterranee

Dibattito finale e chiusura dei lavori.

Comunicazioni:

L’archeologa Martha Zuchowska (Institute of Archaeology University of Warsaw) non potrà trasmettere l’intervento “Water supply system of Palmira, Roman city on Syrian Desert” per motivi contingenti. L’intervento potrete comunque leggerlo negli atti che saranno pubblicati nella collana Hypogean Archaeology Research and Documentation of Underground Structures (British Archaeological Reports).