Tipologia n. 7: opere non identificate

Nel corso delle indagini si possono incontrare opere ipogee di controversa interpretazione e di cui non è possibile stabilire con precisione la destinazione originaria. Questo a causa del continuo utilizzo nel tempo dell’ipogeo, magari con la conseguente mutazione della struttura originaria, e unitamente all’assenza di documentazione scritta, testimonianze orali, ecc. Talvolta alcune opere non sono invece collocate in una specifica tipologia per ricerche insufficienti o comunque limitate, rimanendo così ascritte all’albo delle cose non identificate, “strane” o, peggio, “misteriose”. Alle porte di Tarquinia (VT) vi sono due tumuli definiti “orientalizzanti” e nel tamburo del maggiore si apre l’accesso a un cunicolo che scende al di sotto del monumento funebre per condurre a un pozzetto quadrangolare, profondo poco meno di 2 m. Oltre prosegue per qualche metro ancora, descrivendo una curva. Parte del tamburo è stato restaurato in tempi relativamente recenti rifacendo in mattoni anche l’accesso al cunicolo, togliendo così la possibilità di capire se l’opera sia o meno in fase con il monumento. Solo la completa rimozione dell’interro, unitamente allo scavo di tipo stratigrafico (almeno dello spazio antistante l’accesso), fornirebbero elementi per la comprensione dell’insieme. In ogni caso, allo stato attuale, il cunicolo rimane classificato come “opera non identificata”. A Cattolica (Rimini) la Grotta Paparoni è articolata in modo particolare: «Si accede alla galleria voltata a botte tramite una ripida scala, cui segue un portale che dà su una rampa in discesa orientata parallelamente a v. Cattaneo, a metà della quale è posto un incrocio con volta a vela (su cui è identificabile un disegno a forma cruciforme dei laterizi) da cui si dipartono due brevi bracci con terminazione...

Classification. Typology 7 – UNIDENTIFIED WORKS

Typology 7: unidentified works Works of unknown purpose. We sometimes come across underground works, the purposes of which are unknown. Due to inadequate or limited research, these works remain under the unidentified, ‘unusual’ or even ‘mysterious’ category. Others, despite in-depth research, may pose several unanswered questions, both in relation to their size and on account of the continuous structural interventions and adaptations, the total absence of internal and external elements or due to the lack of written...